CON-TE-STO: LA BICLETTATA DI DON BOSCO!

Il progetto CON-TE-STO è finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali ed è realizzato da Salesiani per il Sociale APS (ente capofila), Cinecircoli Giovanili Socioculturali APS e Turismo Giovanile e Sociale APS. Il progetto intende ridurre la forbice delle diseguaglianze sociali e di opportunità educative e formative contrastando i fenomeni incipienti di deprivazione e povertà educativa minorile. Ecco il racconto di una delle attività portate avanti da Soverato, una delle nostre sedi di attuazione del progetto, tramite il racconto di don Mimmo Madonna.

La bicicletta è una finestra sul “Mondo dei Diritti Umani”. È la possibilità di un più ampio confronto che tutti abbiamo bisogno di avere tra di noi, nei nostri nuclei familiari e, non ultimo, un modo riprogettare in piccolo la vita. Non è solo questione di movimento, pedalata dopo pedalata, ma come effettivamente viviamo le relazioni tra di noi e con l’ambiente. La biciclettata serve come punto di partenza per avviare una conoscenza e un confronto su ciò che accade nel mondo in cui viviamo.

Per questo gireremo per le strade della nostra città di Soverato, con i ragazzi di Con-te-sto, le loro famiglie e tanti altri, portando una bandierina di tutte le nazioni in cui attualmente non si rispettano i Diritti Umani. Durante l’itinerario distribuiremo la Dichiarazione dei Diritti Umani, stampata a mo’ di brochure, perché tanti possano conoscere i propri e altrui diritti. Ma la biciclettata da sola non è sufficiente. La biciclettata è un simbolo che contiene molti altri significati. La biciclettata è movimento, ma anche possibilità di sostare per ammirare, meravigliarsi, riposarsi e poi riprendere. Ecco perché nel nostro itinerario ci fermeremo all’Anfiteatro del lungomare di Soverato e giocheremo “come bambini” grandi e piccoli, a nuclei familiari e a gruppetti di amici, per accumulare un po’ di punti e vincere un premio che ci unisca ulteriormente: una cena premio per la famiglia che vincerà più giochi a stand e il ritrovo intorno ad una pizza per gli amici che condivideranno la raccolta dei punti nelle diverse prove. E poi? E poi riprenderemo il cammino senza gridare, ma raccontando a suon di pedalate. Direbbe il grande campione del ciclismo degli anni ’70 Gino Bartali: “Andare in bicicletta ti fa scoprire la voglia. Cosa è la voglia? È guardare la salita e dire a sé stessi, forza, pedala, ancora una volta finché non arriviamo in cima”.

Don Mimmo Madonna, direttore istituto Sant’Antonio di Padova

News correlate

Formazione internazionale ottobre 2024

"(My) Heart for Eco-Circularity”, nuova possibilità di formazione…

“Cultural routes for inclusion/ Itinerari culturali per l’inclusione”24-27/10/2024, Guignes (Francia)

Le candidature devono pervenire entro e non oltre il 31 Luglio…

Presentazione proposte internazionali 24-25!

Il TGS Nazionale ha organizzato un incontro online, il 12 giugno…